NFT, cosa sono e come usarli nell'eCommerce - Cittaininternet
Notizie

NFT, cosa sono e come usarli nell’eCommerce

28-01-2022
social social social

I token non fungibili sono diventati l’ultima ossessione di Internet. Se ne sente parlare sempre più frequentemente, nei social, nei siti di settore, ma ormai anche nei media mainstream, eppure l’acronimo NFT resta ancora un oggetto misterioso per la maggior parte delle persone (e delle aziende) in Italia. I NFT sono molto più di un meme di Internet o di una moda passeggera e – se utilizzati correttamente – possono rendere vendibili (e acquistabili) contenuti digitali altrimenti difficilmente valorizzabili. D’altra parte che il tema dei NFT sia particolarmente caldo è testimoniato dal fatto che  Shopify – una delle principali piattaforme di eCommerce – da qualche mese consente di coniare e vendere NFT a zero commissioni e che da ancor meno sia nata la prima piattaforma italiana di e-commerce in grado di bypassare gli intermediari, Token Nft.

Cos’è un NFT?

In estrema sintesi, un “non-fungible token” è di fatto un certificato di proprietà. Quindi non è denaro scambiabile, ma un documento unico poiché scritto su una blockchain e quindi non modificabile.

Qualsiasi opera – fisica o digitale – può diventare Nft attribuendole un certificato di autenticità e originalità. L’Nft non è una delle tante copie di un oggetto, ma è un certificato che quell’opera, unica, ha una versione digitale altrettanto unica. Per creare un Nft è necessario un procedimento tramite blockchain e il costo dipende dalla transazione su Ethereum, la seconda criptovaluta dopo il colosso Bitcoin.

Come gli NFT possono cambiare l’eCommerce

In genere, chiunque detenga una particolare NFT con i dettagli della risorsa associata inseriti nella sua firma digitale può essere considerato il proprietario della relativa risorsa. Ad esempio, se qualcuno acquista un tweet che è stato trasformato in un NFT, può ottenere il diritto di vantarsi – con piena titolarità ed esclusività – dell’acquisto del tweet e dell’accesso della transazione all’NFT. Nella maggior parte dei casi, la transazione viene anche autografata digitalmente dal creatore della risorsa. 

In che modo i NFT possono essere utilizzati in un eCommerce?

Esistono già oggi molti campi di applicazione e modalità di utilizzo dei NFT nell’eCommerce, ma molto probabilmente saranno seguiti da tantissimi altri.

Prova di proprietà

Come detto, un NFT rappresenta una prova innegabile e incontestabile della proprietà di un bene. Nell’eCommerce, questo potrebbe creare un incentivo per le persone ad acquistare determinati prodotti in quanto dotati di una sorta di “certificato di proprietà irrevocabile”. Pensiamo a quanto questa caratteristica può rivelarsi utile per i siti che vendono oggetti su misura, pezzi d’antiquariato o altri beni di alto valore, in cui la certificazione della proprietà è importante per il proprietario quasi quanto il prodotto tangibile stesso.

Segno di esclusività

Un altro vantaggio evidente delle NFT si presenta nella forma della loro definizione di esclusività. Invece di brandire certificati di autenticità da parte dei creatori per delineare quanto esclusivo o speciale potrebbe essere un prodotto, gli acquirenti di alcuni NFT di oggetti rari possono far riferimento a una firma digitale.

Questo specifico senso di esclusività può essere incredibilmente utile in quegli scenari in cui gli acquirenti vogliono costruire o far crescere la propria collezione con prodotti che abbiano una storia documentabile e certificata. 

Questa esclusività può essere vantaggiosa anche nel caso in cui un acquirente desideri rivendere il bene materiale in questione. Poiché un acquirente può dimostrare in modo certo che l’oggetto è stato detenuto da lui  e da nessun altro, rivenderlo può diventare più semplice e può comportare un maggiore ritorno sull’investimento.

Richiesta di proprietà virtuale

Nell’eCommerce, ormai da tempo, i prodotti digitali sono venduti al pari di prodotti fisici. Dalle soluzioni software alla grafica personalizzata, il mercato ora contiene innumerevoli risorse virtuali pronte per essere vendute, acquistate e scambiate tra individui interessati.

Poiché gli NFT offrono un modo nuovo e potente di attribuire valore alla proprietà virtuale di beni intangibili, possono supportare questo ambito dell’eCommerce in modo altamente efficiente. I siti di eCommerce più tradizionali che vogliono vendere oggetti distinti possono creare NFT unici, ciascuno con un proprio certificato di proprietà, una propria storia e un proprio acquirente; mentre le piattaforme che vogliono vendere parti di proprietà diverse di una singola entità possono scegliere di vendere risorse e prodotti digitali a più acquirenti. 

Che tipo di siti Web di e-commerce possono trarre vantaggio dagli NFT?

Sebbene l’uso corrente sia principalmente limitato a opere d’arte e contenuti digitali, i NFT hanno le potenzialità per affermarsi in molti settori diversi. Grazie al loro facile trasferimento di proprietà, alla loro esclusività e alla loro accessibilità, gli NFT possono aiutare vari tipi di attività di eCommerce a potenziare la propria offerta.

Qualche esempio:

  • Arredamento. Oggetti di arredamento per la casa come dipinti unici o arazzi fatti a mano possono essere venduti con il proprio NFT. Ciò può fornire al proprietario una sofisticata prova di proprietà e la possibilità di rivendere facilmente il pezzo in futuro.
  • Arte. Anche oggetti d’arte come sculture e dipinti possono essere associati a NFT. In alcuni casi, un pezzo può avere più di un proprietario, e in questo caso tutti i proprietari possono trarre vantaggio dall’avere un pezzo condiviso di un’opera d’arte ricercata.
  • Abbigliamento. La moda su misura può anche beneficiare degli NFT, in cui ogni pezzo viene venduto con la firma digitale del designer (o dell’influencer che ne personalizza qualche caratteristica). 
  • Software personalizzato. Una soluzione software personalizzata o un’app di per sé è una prova di proprietà. Ma se i fornitori che vendono i loro servizi esclusivamente su Internet includono un NFT, possono aggiungere un altro livello di sicurezza e affidabilità alla licenza del software. Le caratteristiche di tracciabilità certa possono anche essere utilizzate per gestire il sistema di distribuzione di una soluzione software o di un’app.
  • Collezionismo digitale. Come accennato in precedenza, questa soluzione è già in uso e attualmente rimane l’applicazione più ampiamente accettata dei NFT. Quando oggetti da collezione digitali come opere d’arte vengono venduti online, artisti e fan possono considerare un NFT come un certificato di autenticità “potenziato”.
  • Aste online.  Se un venditore si rivolge a un sito di aste online, può rendere le sue offerte aperte alle offerte invece di fissare un prezzo fisso. Il miglior offerente può quindi ottenere un NFT insieme all’acquisto effettivo e salvare il token digitale come promemoria della transazione.
  • Social media. Questo è uno degli ambiti di applicazione più interessanti. I NFT infatti permettono di rendere vendibili e acquistabili testi e contenuti pubblicati nei social media. Un tweet o un’immagine postata su Instagram possono essere associati a un NFT e resi così indissolubilmente legati all’autore, che a sua volta può quindi cedere la sua proprietà come se si trattasse di un qualunque oggetto fisico o digitale.

Come creare un negozio NFT

Oggi è possibile progettare e creare un proprio negozio online di NFT, utilizzando – ad esempio – WordPress e WooCommerce. Si tratta di impostare un eCommerce del tutto simile a quelli che siamo abituati a utilizzare, ma con prodotti che sono generati digitalmente e per i quali è necessario pagare in fase di creazione una commissione alla blockchain utilizzata. Si possono scegliere blockchain diverse con costi, limiti di utilizzo e commissioni diverse, ma per prima cosa dovrai decidere che tipo di prodotti vendere, puntando su quelli che possono più facilmente sfruttare le caratteristiche dei NFT. E tu cosa aspetti a progettare il tuo primo negozio NFT?